Sbriciolata con crema al limone

L’ho vista da Simona,nel suo bellissimo blog,sempre ricco di piatti prelibati,ma che lei rende alla portata di tutti,col suo modo super dettagliato di spiegarli,descriverli con tanta minuziosità.Rende davvero difficile rimanere incollati alla propria sedia,senza farsi trasportare in cucina,tanto c’è lei a guidarci per un successo garantito.La freschezza e la semplicità di questo dolce,mi ha colpito dal primo sguardo che gli ho lanciato.Saranno state le note forti e fresche sprigionatesi dai miei limoni appena colti,sarà stata la foto super accattivante,sarà che amo follemente i dolci limonosi,fatto sta che è stato un attimo,ritrovarmi con la ciotola e le uova davanti,mentre spremevo limoni dopo averne raschiato la buccia…mamma mia che profumo,mi sembrava di essere a Sorrento col mio cappellino di paglia,mentre ammiravo la mia amata costiera.E ci è voluto un attimo,quell’attimo tra lingua e palato a farmi vedere persino i faraglioni!Grazie Simona,ho eseguito tutto alla lettera,tranne qualche piccolissima aggiunta!

(altro…)

Ciambella con marmellata all’arancia nell’impasto

Una torta morbida,umida,profumatissima!La marmellata nell’impasto,dona una consistenza quasi fondente, che ve la farà amare al primo morso,al secondo morso penserete già a quando rifarla,al terzo sarete alla ricerca di un posto dove nasconderla!Ok,forse voi non sarete così ingorde e generosamente,starete sulla soglia della porta con la torta in mano,aspettando marito,figli,il cane e pure i vicini.Io NO!Certo non l’ho nascosta,ma stavolta me la son goduta prima di vedermela sparire da sotto agli occhi e non dico di aver lasciato poche briciole,ma ci è mancato poco.Voi non siate avare,vi garantisco che è semplicissima e la rifarete più volte,accontentando voi,i vostri cari e pure i vicini…sempre che non siano “strambi”come i miei!

(altro…)

Torta al cioccolato

Niente uova di Pasqua da smaltire,se non una voglia “inconsapevole”di qualcosa di buono,goloso,che si fondesse tra lingua e palato.Inconsapevole perchè non mi spiegavo,quel mio essere distratta anche dinanzi al mio programma preferito,quell’irrequietezza che mi faceva continuamente sbuffare.E come capita spesso in queste occasioni,mi è bastato andare in cucina e preparare proprio un dolcino,ma cioccolatoso.Pochi ingredienti,due tavolozze di nero fondente,un pò di forno acceso,un pò di ciotole da lavare ahimè,e la tortina dopo circa mezz’ora era sulla sua bella alzatina,fiera di aver esaudito una voglia e la matta annessa.La “bramosia”che avevo,era semplicemente,mancanza di :

“Un grandissimo uova di Pasqua”.Eggià,ho voluto fare l’adulta con pochi vizi,raccomandando con veemenza al marito,che non avrei gradito il mio solito uovo con quei tocchi di nocciole giganteschi, grondanti da ogni molecola,no no…e poi a Pasqua e dintorni,avrei voluto “scippare” di mano quello dei piccoli dei vicini di casa,dargli quel mio pugnetto delicato e ridurlo in frantumi,mentre avida sarei rimasta delusa dinanzi all’ennesima sorpresa “fetecchia”.Si,è così,abbiate bontà e sorvolate!

(altro…)

Anginetti,nginetti,ncinetti di Pasqua

In questi anni di blog,poche volte,ho riproposto vecchie ricette,sempre per dare idee nuove,nuovi spunti.Ma ormai si sa,la mia è una cucina della tradizione,con pochi “lampi”di estrosità o ingredienti particolari,che a volte,lasciatemelo dire,risultano un pò bizzarri(per voler essere clementi).Ora figurarsi!Arriva Pasqua e il mio forno,apre lo sportello da solo quando mi vede entrare in cucina.E lui accoglie in questi giorni,un pò di pastiere,un pò di casatielli dolci e salati e naturalmente aspetta loro:gli anginetti.Solitamente li chiamo nginetti,come al paese di mia mamma nel casertano e siccome ogni anno faccio esperimenti alla ricerca della ricetta perfetta,come quella che ho sempre mangiato da bambina,anche questa Pasqua ve ne offro una.Se finora ho ottenuto risultati soddisfacenti,stavolta credo di aver trovato finalmente la ricetta giusta.Io li amo morbidi e questi nonostante l’impasto “povero”o sciocco,si sono rivelati piccole piume tinte di candida glassa

(altro…)

Arancino di riso

Per pranzi goderecci e sfiziosi,non esiste un periodo.Non hanno il “loro tempo”certe pietanze,sembra che siano nate per coccolare tutti,in ogni luogo,mari e monti e se,anche siamo reduci da un Carnevale di olio bollente,frittelle,frappe e costumi,un arancino con la sua veste dorata e il suo cuore filante,trova sempre il suo spazio.Altrochè se lo trova,e con grande soddisfazione.Arancini o pallottole?Enormi,davvero enormi li ho fatti.Non sapete quante volte li ho ripresi,per dargli una giusta e dignitosa misura,ma non ne hanno voluto sapere.Ogni volta,il “prossimo” era sempre più grande; la sua farcia abbondante non si è voluta rannicchiare,si è accomodata pigramente per farsi meglio apprezzare!

(altro…)

Cake con arance frullate e semolino

Non so cosa mi abbia preso,ma ultimamente guardo le arance e penso a dove infilarle,frullarle,farne una poltiglia da destinare ad un dolce morbido per la prima colazione o semplicemente per una pausa golosa.Sarà che adoro gli agrumi nei dolci,sarà che ne avrò tante da smaltire,sarà che sono stanca di farne spremute,sarà che vado in estasi quando ne sento il profumo,sarà che i loro olii essenziali me li spalmerei in ogni dove,sarà quel che sarà,ma questo momento ‘agrumoso’,mi porta sempre più spesso in cucina a far le fusa al mio mixer.Si,il mixer,lui,quell’aggeggio pratico che non richiede fruste,montature,separazioni,ciotole,dubbi e attese.Lui è li,pratico e concreto e aspetta solo i tuoi ingredienti.Beh ancora una volta si è ritrovato a macinare tre arance,un pò di semolino e qualche mio vezzo.Il risultato è stato un cake senza pretese,carino,ma dal sapore avvolgente ed appagante;un misto tra un migliaccio ed il famoso pan d’arancio.E’ bastato irrorarlo con uno sciroppo ‘filante’ di arance e zucchero e credetemi,se come me amate il sapore un pò aspro degli agrumi nei dolci,le sue note vi porteranno dritti in Sicilia tra aranceti e pure  un bel cavaliere!”;)

(altro…)

CONSIGLIA Frittelle di zucchine e mozzarella